Il successo è uno sport di squadra.
Da soli si può tanto, insieme si può tutto

Alessandro Maturo

Corso PUBLIC SPEAKING – 6.7.8 febbraio 2015 PESCARA

6 Febbraio 2015 11:39 4 commenti Eventi

Live blogging del corso #PUBLICSPEAKING – Parlare in Pubblico

Venerdì, 6 febbraio 2015

Ore 9.00 – La prima edizione del corso “Public Speaking – parlare in pubblico” sta iniziando a Pescara con Adriano, Cristiana, Andrea, Giampiero, Anna, Giuseppe, Cristina, Donato, Luca, Barbara, Armando, Gianni, Samuele, Vincenzo, Annarita, Luigi, Antonello, Daniele, Pino, Daniela e Gianfranco. Benvenuti e buon corso a tutti con il Trainer Alessandro Maturo.
Durante il corso analizzeremo i più grandi speaker di tutti i tempi, partendo da Aristotele, passando per Cicerone e arrivando ai grandi del presente (Bill Clinton, Barack Obama, Steve Jobs) e ai grandi trainer (Anthony Robbins, Jack Canfield e Richard Bandler).Comunicazione dello speaker

Ore 11.30 – Iniziamo ad analizzare la comunicazione dello speaker, comprendendo meglio l’equazione di Mehrabian sull’impatto emotivo della comunicazione. Poi ci dedichiamo all’osservazione della postura, dei movimenti del corpo e del contatto visivo.

Ore 13.30 – Break… Buon pranzo a tutti!

Ore 14.30 – Riprendiamo a lavorare completando l’osservazione del corpo di uno speaker di successo: il potere delle mani e l’indirizzo della mente indicato dai piedi…sperimentiamo tutto questo grazie ad una specifica esercitazione di gruppo.

Ore 16.30 – Sintetizziamo quanto appreso durante la giornata attraverso lo strumento della visualizzazione con l’obiettivo della gestione di quelle emozioni che possono “bloccare” lo speaker.

Ore 18.15 – Si conclude la prima giornata… domattina si inizia puntuali alle 9.00!

Sabato, 7 febbraio 2015

Ore 9.00 – Iniziamo puntuali il secondo giorno parlando della scelta delle parole più appropriate in base alle emozioni che lo speaker vuole trasferire al pubblico. Proseguiamo con i suoni onomatopeici e con le “parole non parole”… e ora sperimentiamo lavorando a coppie.

SecondaGiornataOre 12.15 – Concentriamoci sul potere delle “storie” e sulle diverse modalità per raccontarle con il fine di rendere più efficace la comunicazione dello speaker…ancora una volta mettiamo in pratica le conoscenze acquisite attraverso stimolanti e divertenti esercizi di gruppo.

Ore 13.45 – Pausa pranzo… tra 60 minuti di nuovo in aula!

Ore 15.00 – Dopo aver parlato dell’utilizzo di metafore ed analogie, il pomeriggio continua spostando il focus dallo speaker al pubblico parlando delle diverse tipologie di interazioni e della zona di attenzione… sapevate che le persone che siedono nelle prime file apprendono mediamente il 30% in più di coloro che siedono più lontani dallo speaker?

Ore 17.00 – Completato lo studio dello speaker e del pubblico capiamo come si costruisce la struttura di una presentazione: introduzione, corpo e conclusioni… ognuna con le proprie specificità.

Ore 18.15 – Questa seconda giornata si conclude con un grande applauso… a domani per le nostre personali presentazioni!

Domenica, 8 febbraio 2015

Ore 9.00 – Ci ritroviamo parlando dell’impatto emotivo che uno speaker di successo riesce a suscitare nella platea grazie all’uso del linguaggio para-verbale…

Ore 11.30 – Durante una breve pausa iniziamo a ripassare le presentazioni personali… ognuno di noi simulerà una presentazione davanti ai compagni, prestando attenzione ai feedback… ascoltando prima quelli positivi e poi faccendo tesoro di quelli migliorativi che ci permettono di crescere ulteriormente.

Ore 14.30 – Dopo la pausa pranzo continuiamo le presentazioni personali: i feedback dei compagni sono sempre più precisi e ci permetteno di migliorare in maniera concreta ed evidente… sperimentiamo la potenza delle storie personali, delle metafore, del linguaggio del corpo, della voce e dell’altruismo.

ClasseOre 18.00 – E’ arrivato il momento di votare il miglior presentatore… I 2 speaker più votati, Cristiana e Armando, presentano dinanzi all’intero gruppo… le emozioni sono palpabili.

Ore 18.30 – Continuiamo a emozionarci con le condivisioni finali: cosa ho imparato, come sono cresciuto, cosa farò. Ci avviamo poi alla conclusione con la consegna degli attestati… ed ora a voi tutti Nuovi Speaker di Successo non resta che incantare le vostre platee!

 

4 Commenti

  • Barbara

    Ottimo corso, pieno di nozioni importanti per diventare un ottimo speaker.
    Tantissime esercitazioni per tradurre la teoria in pratica. Lo consiglio a tutti 🙂

  • Pino

    Ho imparato… ho imparato tanto e, spero, di aver dato tanto agli altri.
    E’ stato un corso speciale in cui oltre alle tecniche specifiche c’è stato un valore aggiunto dato dalle emozioni che ognuno di noi ha condiviso con gli altri.
    Vedere e sentire ragazzi e adulti che, nelle proprie presentazioni personali, hanno fatto suscitare tante emozioni ha dato a questo corso una valenza molto più alta di ciò che mi aspettavo.
    Ho imparato che solo le cosiddette “tecniche” non bastano per diventare un Public Speaker!!!
    Per “essere” un bravo Public Speaker ci vuole molto altro, ci vuole CUORE!!!
    I corsi della Success Strategies fanno sempre questo: c’è il Cuore dei discenti e dei docenti al centro di tutto!!
    Grazie per questa ennesima grande esperienza!!!

  • Daniele

    Grazie al mio lavoro, già da qualche anno ho l’opportunità di parlare in pubblico…seguendo con attenzione il Corso ho compreso ulteriormente alcune qualità che avevo sviluppato istintivamente e, soprattutto, ho incrementato in maniera significativa il “pacchetto” di strumenti a mia disposizione per riuscire ad essere carismatico dinanzi a qualsiasi platea. Impegnandomi negli esercizi che Alessandro ci ha spiegato, in tre giorni sono riuscito a migliorare la mia efficacia comunicativa… e lo stesso meraviglioso risultato ho potuto apprezzare in tutti coloro che hanno partecipato al Corso insieme a me. Grazie Alessandro!

  • Giampiero

    Sorpresa… entusiastica sorpresa, non è stato un corso come avevo immaginato…
    Ma… MOLTO DI PIU’!!! Non ho imparato solo a parlare in pubblico… ma
    anche: come, con quali tempi, in quali modi, con quali emozioni…
    SUSCITANDO emozioni… interesse… partecipazione…
    Utilizzando per far ciò non solo il linguaggio verbale bensì TUTTO IL CORPO sia esterno, che
    soprattutto interno, affidandosi al proprio istinto, senza eccessivi offuscamenti razionali…il tutto “s e m p l i c e m e n t e”.
    Grazie a tutti

Scrivi un Commento